news ed approfondimenti

RESTART DELLA RISCOSSIONE: IL PUNTO SULLE PRINCIPALI SCADENZE PREVISTE PER I CONTRIBUENTI

20/09/2021


Dopo una lunga serie di interruzioni forzate (causa COVID-19), l’Agenzia delle Entrate Riscossione torna a bussare alle porte degli italiani con  la notifica di milioni di atti esattoriali (cartelle, intimazioni, ipoteche, ecc.). 

Ricordiamo - per dovere di cronaca - che a partire dall’8 marzo 2020, la macchina del fisco aveva subito un brusco arresto per effetto delle varie disposizioni normative (emergenziali) che, di volta in volta, avevano prolungato il periodo di sospensione dell’attività di riscossione, esercitata - per la quasi totalità delle entrate pubbliche - dalla ormai nota Agenzia delle Entrate Riscossione (già Equitalia).

Periodo di tregua che si è concluso  - giustappunto - in prossimità del 31 agosto scorso, termine fissato dal recente Decreto “Sostegni Bis (D.L. n. 73/2021).

Difatti, a partire dal 1° settembre, l’esattore pubblico ha ripreso tutte le attività concernenti la notifica di cartelle, avvisi di addebito e avvisi derivanti da precedenti atti di accertamento, oltreché quelle afferenti le ordinarie procedure di riscossione, incluse quelle derivanti dalle verifiche effettuate dalle P.A., ai sensi dell’art. 48-bis del D.P.R. 602/73.

Proprio in ragione di questo graduale ritorno alla normalità, si è ritenuto utile - ripercorrendo le indicazioni fornite dal concessionario della riscossione sul proprio sito istituzionale - offrire ai contribuenti/lettori un panorama, chiaro e dettagliato, di quelle che rappresenteranno, da qui a poco, le principali scadenze da fronteggiare, anche e soprattutto al fine di non incorrere in decadenze e/o potenziali revoche.

  • Atti già scaduti prima dell’8 marzo 2020.

Per cartelle di pagamentoavvisi di addebito e avvisi di accertamento già scaduti prima del 8 marzo 2020, il contribuente dovrà procedere con il tempestivo pagamento delle somme dovute o, in alternativa, richiedere ed ottenere un nuovo provvedimento di rateizzazione, così da evitare l’avvio delle già note procedure di recupero.

  • Atti in scadenza dopo l’8 marzo 2020.

I pagamenti di tutte le entrate tributarie e non, derivanti da cartelle di pagamentoavvisi di addebito e avvisi di accertamento, in scadenza nel periodo dall’8 marzo 2020 al 31 agosto 2021, dovranno essere effettuati entro il mese successivo alla scadenza del periodo di sospensione e, dunque, entro il 30 settembre 2021.

  • Piani di Dilazione.

Il versamento di tutte le rate in scadenza dall’8 marzo 2020 al 31 agosto 2021, dovrà essere effettuato - in un’unica soluzione - entro il 30 settembre 2021. Mantengono invece l’originaria data di pagamento le rate con scadenza successiva al 31 agosto 2021.

A tal proposito, è doveroso segnalare che per i piani di dilazione in essere all’8 marzo 2020, così come per i nuovi piani concessi a seguito della presentazione delle domande avvenuta entro il 31 dicembre 2021, il D.L. n. 137/2020 ha previsto che la decadenza dalla rateizzazione si verifica con il mancato pagamento di 10 rate, anche non consecutive, in luogo delle 5 originariamente previste.                              Risulta evidente, dunque, che al fine di evitare la decadenza dal beneficio della dilazione, dovranno necessariamente essere saldate - entro il 30 settembre 2021 - un numero di rate sufficiente a mantenere attivo il piano.

  • Definizione agevolata

Per mantenere i benefici della definizione agevolata, i contribuenti in regola con il pagamento delle rate 2019, nonché delle successive rate originariamente in scadenza nel primo semestre 2020 (queste ultime nel rispetto dei termini di pagamento stabiliti dal DL n. 73/2021), dovranno effettuare il prossimo versamento di quanto ancora dovuto nel rispetto dei seguenti termini:

  1. 30 settembre 2021, per la rata la cui scadenza era prevista - originariamente - al 31 luglio 2020. (sono previsti cinque giorni di tolleranza.Il pagamento dovrà, quindi, avvenire entro e non oltre il 5 ottobre 2021, pena la decadenza dal beneficio).
  2. 31 ottobre 2021, per la rata la cui scadenza era prevista - originariamente - al 30 novembre 2020. (sono previsti cinque giorni di tolleranza. Il pagamento dovrà, quindi, avvenire entro e non oltre il 5 novembre 2021, pena la decadenza dal beneficio).
  3. 30 novembre 2021, per le rate originariamente scadenti nell’anno 2021. (sono previsti cinque giorni di tolleranza. Il pagamento dovrà, quindi, avvenire entro e non oltre il 6 dicembre 2021, pena la decadenza dal beneficio).

Non possiamo concludere il nostro lavoro senza ricordare che, solo pochi giorni fa, alla Camera dei Deputati, è stato approvato un ordine del giorno che impegna il Governo italiano a mettere in atto alcune specifiche misure legate all’attività dell’Agenzia delle Entrate – Riscossione, tra cui: 

  • l’adozione di un piano straordinario per prorogare ulteriormente i termini delle notifiche delle cartelle esattoriali riferite al periodo emergenziale pandemico (solo e specificatamente queste ultime).
  • l’introduzione di una nuova Pace Fiscale, che incorpori al suo interno una ulteriore Definizione agevolata delle cartelle esattoriali (Rottamazione quater) ed una nuova Definizione delle liti pendenti.
  • l’introduzione di un nuovo blocco degli obblighi di accantonamento derivanti dai pignoramenti presso terzi, effettuati dall’agente della riscossione o dagli altri soggetti affidatari della riscossione pubblica.
Sfoglia questa categoria..

Richiedi una prima consulenza gratuita

Compila il form e ti ricontatteremo entro 24h.

Web Developement Obdo - graphic and web